Un racconto inedito

Se avete voglia di viaggiare, di scoprire, di ammirare o semplicemente di ricordare:

A pagina 35, scoprirete anche una storia speciale, scelta con cura tra i miei Antichi Racconti, per tutti coloro che amano passeggiare tra i mondi.

Happy Samhain !

Onde

L’oceano sussurra ricordi impressi nel profondo delle acque, custoditi dagli spiriti delle correnti che talvolta giocano con le anime dei viaggiatori invertendo il senso delle cose. Ma gli esperti uomini di mare sanno attendere il momento in cui il cielo, condividendo il suo pianto con le onde, accarezza antiche memorie rivelandone la luminosa dolcezza.

Passi

Percorrendo sentieri nascosti tra rami spezzati e foglie cadute, dopo la pioggia, il rumore dei passi diventa facilmente riconoscibile dalle creature del bosco, che fuggono spaventate ed un po’ indispettite dall’intrusione inaspettata. Il fiato si accorcia e le gambe tremano, ma i piedi scalzi assaporano ciò che normalmente viene loro precluso. Il sole fa capolino tra le fronde, accompagnato da un soffio di vento, a tratti gelido, che riempie il petto di briciole di nuvola. Correre soli, l’odore pungente dell’alba mescolato alla dolcezza del colore dei fiori che si rivela alla brezza del mattino. 

Conoscere il linguaggio della foresta ed attendere, seduti accanto alle rocce che vedono ogni cosa, uno sguardo silenzioso che passeggia vicino, compagno di molte avventure. Spiriti affini e complementari, silenziosi ed antichi, che ci accompagnano lungo il viaggio, verso luoghi che solo noi conosciamo.

Cenere

E fu allora che mi voltai: notai le ceneri di ciò che un tempo era custodito con cura tra le pieghe della memoria, sollevarsi in volo e fuggire, attraverso lo spiraglio lasciato aperto dalla serratura della mia rinnovata capacità di giudizio. Ciò che rimase fu un lungo, inestimabile, meraviglioso, assoluto silenzio. 

Ed infine, le orecchie udirono nuovamente il delicato rumore dell’acqua scorrere accanto a me.